Il mio parto, ritrovare ciò che è andato perduto.

Nell’esperienza di parto spesso le donne portano un dolore, una ferita emotiva che riguarda il sentirsi donna, il riconoscersi madre, l’avere fiducia nelle proprie competenze. Una ferita che crea una fatica nel gioire in uno dei momenti più belli di tutta la vita.

“Ho tra le braccia il mio tesoro più grande e un dolore sordo mi accompagna”.  Gli occhi si inumidiscono e cominciano a sgorgare le parole.

20181125_202323

In un piccolo gruppo intimo e protetto le donne possono raccontare, cercare, ascoltare e ricercare ciò che è andato perduto. Perché in ogni dolore c’è un pezzetto da ritrovare.

Il percorso unisce le tecniche di ascolto, counselling, facilitazione auto-mutuo-aiuto, armonizzazione delle cicatrici, terapia cranio-sacrale . Viene proposto per tutte le donne che si sentono insoddisfatte della loro esperienza di parto e che sentono il bisogno di ‘farsene qualcosa”.  Ha l’intenzione di fornire strumenti per progredire nel cammino della crescita personale e della consapevolezza. Per raggiungere un passo alla volta, tassello per tassello, la possibilità di accogliere ciò che è stato senza rimpianto, rammarico o tristezza. Per guardare al proprio parto come esperienza di senso.

Nella consapevolezza che ognuna è diversa e che ognuna porta bisogni, energie e ricchezze proprie, il gruppo diviene risorsa di benessere e sostegno.

Insieme alla ostetrica Chiara Tosolini è possibile portare l’attenzione a quelle parti del corpo che più sono state interessate dal danno per capire come questo possa essere migliorato attraverso amorevoli cure.

Insieme ad Andrea Petrolli, neuropsicomotricista e Terapista Cranio Sacrale, scopriamo come le nostre emozioni scrivono e formano i tessuti del nostro corpo. Attraverso il tocco, l’ascolto e il non giudizio abbiamo la possibilità di sciogliere l’emotività che ci fa soffrire e riequilibrare così le tensioni del corpo.

Attraverso l’esperienza di Ilaria Emiliani, operatrice della nascita, facilitatrice di gruppi, ricercatrice e raccoglitrice di storie, figlia e madre nata dal taglio cesareo e dal suo personale e professionale cammino di elaborazione, il percorso prende forma e sostanza. Con lei, la possibilità di guardare la nascita con occhi curiosi, stupiti e grati.  “Ogni cosa ha un senso”.

Il percorso è di cinque incontri in gruppo nei quali attraversare le storie, il corpo, le emozioni e le convinzioni di ognuna per trovare il pezzettino mancante.

Ogni partecipante ha in omaggio un incontro individuale per approfondire gli aspetti più intimi e privati.

DOVE:

Il percorso avrà luogo ciclicamente presso le sedi di Udine e Trieste ( segui gli eventi sulla nostra pagina facebook, vengono caricati regolarmente)

  • “L’Angolo Rotondo” in Via Cormor Alto 134, Udine.
  • Via Edoardo Weiss, 14, Trieste

COSTO:

5 incontri in gruppo 180 euro in omaggio 1 incontro individuale.

L’iscrizione è effettiva e il posto assicurato con il versamento di 30 euro sul conto corrente intestato alla Associazione Felís IT13N0892836490010000042514 causale nome, cognome, contatto telefonico, nome del corso (il mio parto), sede del corso. Il saldo di 150€ si verserà sempre in bonifico sullo stesso conto corrente entro la data del secondo incontro.
Nel caso ci fossero esigenze specifiche si possono prendere accordi diversi.

PARTECIPANTI:

Il percorso partirà con un minimo di 6 ed un massimo di 10 partecipanti.

I bambini che non possono stare senza la mamma, ovvero piccolini e/o allatati, sono i benvenuti.

Per info: Ilaria Emiliani 3332667677

Annunci